LA STORIA

L’Associazione delle Ville Lucchesi è fondata nel Dicembre del 1986 da un ristretto gruppo di Proprietari di Ville Storiche1, che - sotto la spinta di Marino Salom, al tempo proprietario della Villa Mansi di Segromigno in Monte - intuirono le potenzialità delle Ville Lucchesi e del territorio della Provincia di Lucca, comprendente una varietà di paesaggi dal mare al lago, dalle colline ai monti, unita nel sistema ancora vissuto delle ville.

La storia delle Ville nasce dalla storia di una tradizionale imprenditorialità delle famiglie lucchesi, che già avevano il palazzo in città e decidono investimenti sempre più  rilevanti nella economia agricola. Una tempestiva e operosa diversificazione, che ha saputo favorire, per secoli, anche un suo particolare mondo culturale, nei suoi molteplici aspetti. Ville e Palazzi che rappresentano oggi una concreta, visibile eredità di singolare congruente intraprendenza. Da non smarrire.

Consapevoli di questo processo storico, di queste connesse “testimonianze” di città e campagna, l’Associazione nel 1994 assume la denominazione di: “Associazione delle Ville e dei Palazzi Lucchesi” ed in tale veste opera ufficialmente.

Forte della convinzione che la conoscenza e la ricerca siano alla base della conservazione e valorizzazione, l’Associazione organizza già nel 1987 la prima giornata di studi sul tema delle Ville Lucchesi che, negli anni a seguire, diventerà un appuntamento fisso a cadenza biennale con il FESTIVAL DELLE VILLE, incentrato su convegni, mostre e concerti (vedi sezione Eventi del Sito AVPL).

Nel 2003 viene istituito anche il Premio Ville Lucchesi, intitolato a Marino Salom, alla miglior tesi di laurea o dottorato sul restauro di un giardino pubblico o privato di Dimora Storica in Italia. Questo per incentivare, oltre alla conoscenza del ricco patrimonio delle Ville a livello locale e nazionale, lo studio del restauro, del recupero e la valorizzazione della parte paesaggistica.

L’appuntamento biennale del Premio Ville Lucchesi all’interno del Festival vuole essere un momento di incontro fra le realtà italiane e straniere, per contribuire alla conoscenza ed esortare alla coscienza del restauro e della tutela del paesaggio.

 

(1) Soci Fondatori: Isabella Boroli Vincenzini, Frederico Grabau, Maria Luisa Orlando, Maria Francesca Rossi, Marcello Salom, Marino Salom.
Prime cariche sociali: Presidente, Marino Salom - Vice Presidente, Avv.to Massimo di Puccio - Segreterio, Vittoria Colonna di Stigliano - Tesoriere, Maria Luisa Orlando - Consiglieri, Frederico Grabau, Diana Infante, Isabella Boroli Vincenzini, Antonio Meschi.